Come è già stato detto nei cenni storici, lo scopo di Fidonet è quello di raccogliere i messaggi degli utenti di una bbs, impacchettarli e spedirli a tutti i nodi collegati. Vediamo ora un po’ più in dettaglio il funzionamento di questo meccanismo e la struttura organizzativa della rete.

A livello mondiale Fidonet si divide in aree geografiche, dette zone (zone); esse sono così ripartite:

ZONA 1  –  NORD AMERICA
ZONA 2  –  EUROPA
ZONA 3  –  OCEANIA
ZONA 4  –  AMERICA LATINA
ZONA 5  –  AFRICA
ZONA 6  –  ASIA

Ogni zona è a sua volta suddivisa in tante regioni (region), che corrispondono alle varie nazioni; l’Italia è la region 33.

Le regioni, a loro volta, si suddividono in tante reti (net); l’Italia è composta da 5 reti (o net che dir si voglia):

NET 1  –  LOMBARDIA
NET 2  –  AREA CENTRO-SETTENTRIONALE
NET 3  –  AREA NORD-ORIENTALE
NET 4  –  AREA NORD-OCCIDENTALE
NET 5  –  AREA CENTRO-MERIDIONALE

Infine le reti sono composte da diversi nodi (node); questi ultimi altro non sono che le varie bbs sparse per il mondo.

Vi sembra complicato? A prima vista può anche sembrarlo, ma facendo un esempio pratico dovrebbe essere tutto più chiaro. Analizziamo ad esempio il mio indirizzo Fidonet: 2:334/403.25. Questa è la struttura di un indirizzo Fidonet, così come deve essere impostato nei vari programmi per la lettura offline dei messaggi. Esaminiamolo però più in dettaglio:

2 – Rappresenta la zona geografica a livello mondiale (in questo caso l’Europa)

334 – Rappresenta il net 4 della region 33 (quindi il nord-ovest dell’Italia)

403 – Rappresenta il nodo di appartenenza (quindi la bbs che si chiama per inviare/ricevere la posta)

25 – Rappresenta il numero di point (argomento che viene trattato nell’apposita sezione)

Questa, in sostanza, è la struttura della rete Fidonet, un fenomeno globale che ha unito moltissime persone prima che Internet diventasse la rete delle reti.