Ed eccoci giunti a parlare dell’aspetto principale di una bbs, le aree, il collante che permette alla bbs stessa di vivere, grazie anche agli utenti e point che le frequentano. Essenzialmente in una bbs esistono due tipi di aree: aree file e aree messaggi. Sullo scopo principale di queste due tipologie di aree non mi sembra ci possano essere dubbi…

Le aree file non sono altro che una raccolta di file che il sysop stesso raccoglie dai vari circuiti di distribuzione e che mette a disposizione dei propri utenti; in alternativa si tratta di file inviati da utenti o point che in questo modo, con i loro upload, contribuiscono alla crescita e alla “ricchezza” della bbs.

In molti casi può essere di enorme utilità prelevare qualche file da una bbs, anzichè direttamente da Internet: quante volte perdiamo la pazienza collegandoci o tentando di collegarci a qualche sito per scaricare l’ultima versione del nostro programma preferito, mentre le luci del nostro modem restano inesorabilmente spente o il nostro file arriva con una lentezza esasperante?

Con il collegamento a una bbs queste limitazioni non ci sono e praticamente si “viaggia” sempre a piena banda. Comodo, no? Ricordiamoci solo di ricambiare a nostra volta con qualche file (possibilmente utile) e così la nostra coscienza è a posto.

Ma l’aspetto più importante è costituito dalle aree messaggi, nelle quali gli utenti hanno la possibilità di confrontarsi (talvolta anche in tono verbalmente sostenuto) sugli argomenti più disparati. Esse si differenziano in:

  • Aree locali: sono le aree messaggi tipiche di ogni bbs; ogni bbs ha le proprie e i messaggi che a tali aree fanno capo restano nell’ambito della bbs senza essere diffusi sull’intera rete.
  • Aree echo: sono le aree i cui messaggi vengono veicolati quotidianamente sull’intera rete: ogni area è tematica ed è “controllata” da un moderatore; infine le aree echo si dividono in nazionali e internazionali.
  • Area matrix: è l’area “privata” che ogni utente/point ha a disposizione; solo il sysop è in grado di leggere i messaggi scritti in quest’area, per controllare (eventualmente) e impedire potenziali illeciti.

Per certi versi qualcosa di analogo a quello che si trova su Internet, solo in chiave minore. Le aree echo possono essere paragonate ai newsgroup moderati, le aree locali a una mailing list tra amici e l’area matrix alla casella di e-mail (tutto questo naturalmente imho… pardon, volevo dire… a mio modesto parere).

Il rapporto segnale/rumore (messaggi utili e interessanti contro “immondizia” telematica) è molto sentito in Fidonet; non per niente tutte le aree sono moderate, non esiste lo spam e si fa il possibile per mantenere il tutto vivibile e gestibile, anche perché chi lo fa lo fa per hobby, non per lavoro e quindi tutte le regole, regoline e regolette (le cosiddette policy d’area, tipo la netiquette di Internet) hanno solo lo scopo di rendere distesa la convivenza.

Se qualcuno si sentisse “offeso” da questa regolamentazione a cui sono “sottoposti” i fidonettiani (o fidonettari) beh… allora non ha compreso appieno lo spirito che pervade la comunità Fidonet. Ma molto probabilmente non ha toccato veramente con mano la rete, la sua organizzazione e la gente che la frequenta.